King’s Cross (capitolo 2)

Nell’ultima settimana ho inciso la prima di cinque piccole lastre per il progetto di una nuova storia, una storia per il secondo volume dell’antologia di Cargo.

Son partito da questo bozzetto qui.

Poi acquaforte e primi grigi in acquatinta.

La prima stampa di prova con inchiostro seppia.

2014.04_kingscross

Ma dove son finiti i neri?

Eccoli qui, dopo una seconda mano di acquatinta e un paio d’altre stampe di prova.

2014.04_kingscross-prova-2

Manca ancora qualcosa… magari scurire un po’ l’asfalto… a breve un definitivo!

Cargo: viaggi grafici!

Sabato Cargo, il collettivo di cui amo far parte (eh sì, non posso non dire così!), si presenta e presenta le sue autoproduzioni in un luogo a me molto caro: la giovane piccola ma preziosissima libreria Scaldasole Books. Preziosa perché il progetto di Michele, il librario, è il progetto di tutti quei fantastici appassionati di libri che contro la corrente senpre più forte delle enormi macchine da soldi Feltrinelli e Mondadori (sì, anche io ci sono affezionato alla Feltrinelli, ma ormai è proprio questo, una enorma macchina da soldi in cui è difficile scovare un’anima) lotta con incredibili sforzi per mantenere in vita un modo di trasmissione di cultura e saperi.

Non so voi, ma io mi sento proprio bene quando entro in una libreria e posso parlare con qualcuno che conosce i suoi libri, che ti consiglia cose che ha letto. Una cosa che mi riempie di speranza.

Beh, insomma, per l’occasione ripubblico qui la mia storia per il primo libro che abbiamo fatto, Cargo vol. 1 – viaggi grafici col sapore per l’ostacolo. Per leggerla basta un click sulla tavola qui sotto, quella dove mangiano il falafel, che a Baghdad fanno coi fagioli.

È una storia ispirata (e documentata grazie) al lavoro di un amico e collega, Antonio. Lui ha viaggiato per il Medio Oriente con Mamiya e Pentax 6×7 per quattro anni e più; io l’ho seguito a distanza, preparandomi ad una futura partenza.

tav10-def-cargo01-lucio

Ci vediamo sabato?

(Se l’assaggio fumettistico non vi basta, sappiate che ci sono pure le birre artigianali e varie stuzzicosità!)